Al Museo Archeologico di Bologna il restauro (aperto al pubblico) di un’antica mummia egizia [FOTO]

La Sezione Egiziana del Museo Civico Archeologico di Bologna offre la possibilità al pubblico di assistere, dal 16 giugno al 3 settembre 2021, al restauro di un'antica mummia appartenente alla straordinaria collezione di antichità egizie, greche, etrusche e romane di Pelagio Palagi. Il progetto, "Oltre le bende: storia di un antico egiziano", avviene in sinergia con i Musei Civici di Mantova, dove il reperto sarà poi esposto a Palazzo San Sebastiano in occasione del riordino delle Collezioni civiche mantovane.

RESTAURI / La Pala di Bosco ai Frati del Beato Angelico torna all’antico splendore

Terminato il restauro della Pala di Bosco ai Frati del Beato Angelico. L'opera è tornata in esposizione al Museo di San Marco di Firenze, accanto ad altri straordinari capolavori dell'artista. L'intervento è stato reso possibile grazie al contributo dei Friends of Florence.

Rieti, il carro del principe sabino di Eretum, ricomposto, finalmente in mostra

Un percorso articolato in tre sale di esposizione, in Palazzo Dosi-Delfini a Rieti, conduce il visitatore indietro nel tempo fino al VII secolo a.C., per scoprire – col commento di una colonna sonora originale - uno spaccato significativo della civiltà sabina attraverso i corredi funerari della stirpe del misterioso e potente principe di Eretum.

SCOPERTE / Dagli Uffizi riemergono affreschi perduti del Sei e Settecento. Studiate anche alcune sepolture

Durante i lavori di recupero e restauro degli ambienti del pianterreno e del sottosuolo sono tornati alla luce un affresco che raffigura il granduca Cosimo II da giovane con le allegorie di Firenze e Siena: riaffiorato sotto l’intonaco di una sala, è da attribuire all’ambito del pittore Bernardino Poccetti. Scoperte anche pitture del Settecento sulle pareti e sulla volta del soffitto. Continuano anche le indagini archeologiche.

MANOSCRITTI / Certosa di Pavia, completato il restauro del monumentale Graduale 822. Presto una mostra [FOTO]

A 239 anni dalla dispersione della Biblioteca della Certosa pavese, un progetto per riscoprire uno straordinario tesoro nascosto: i Graduali della Certosa di Pavia. Il primo manoscritto restaurato è il grandioso Codice 822, riccamente miniato. Seguirà una mostra e la digitalizzazione dell'intero corpus di 13 tomi.

RESTAURI / Firenze, il volto di Dante “ringiovanisce” grazie al restauro [FOTO / VIDEO]

L’intervento sul capolavoro di Andrea del Castagno, eseguito a cura dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze, in sei mesi ha restituito freschezza al ritratto del sommo poeta, scurito e ‘invecchiato’ da precedenti ritocchi. Nel settecentenario dalla morte dell’Alighieri l'affresco staccato sarà tra i protagonisti della grande mostra di Forlì dedicata all’autore della Divina Commedia

affesco ceii pompei

RESTAURI / Pompei, torna a splendere lo spettacolare affresco del Giardino dei Ceii [FOTO / VIDEO]

Riprende vita dopo il restauro la grande pittura che orna la parete di fondo del giardino della Casa dei Ceii, risalente al II secolo a.C. Splendida la scena di caccia con animali selvatici, assieme ai paesaggi popolati di Pigmei e animali del Delta del Nilo raffigurati sulle pareti laterali.

RESTAURI / Pompei, rimesse a nuovo le colonne della Casa del Fauno [FOTO / VIDEO]

Bombardate, colpite dal terremoto, fratturate, puntellate: le colonne della Casa del Fauno di Pompei tornano integre grazie al recente restauro.

hiostro-di-Santa-Margherita.-Foto-di-Udo-Koeller.

Treviso, restaurato il chiostro dove venne sepolto Pietro Alighieri [FOTO]

Restaurato, dopo un lungo abbandono, il complesso di Santa Margherita di Treviso, semidistrutto dai bombardamenti del 1944. Nel chiostro medievale fu seppellito Pietro Alighieri, figlio di Dante. Completata con successo l'anastilosi, dal 5 dicembre la chiesa riapre come nuova sede della Collezione Salce.

STUDI / Bologna, un raro manoscritto azteco svela i suoi colori

Il Codice Cospi, conservato alla Biblioteca Universitaria di Bologna, è uno dei pochissimi “libri” aztechi esistenti al mondo. Una nuova campagna di analisi permetterà di indagare con un dettaglio fino ad oggi impensabile le pratiche tecnologiche e pittoriche con cui venne realizzato.