Palazzo Pitti nel videogioco The Medici Game

Delitti e misteri a Palazzo Pitti: ecco “The Medici Game” [FOTO / VIDEO]

FIRENZE, 8 ottobre 2019  (aggiornamento: 30 ottobre) –  Finalmente ci siamo. The Medici Game: Murder at Pitti Palace, il primo videogioco dedicato alla storia e ai capolavori della reggia medicea di Firenze, è scaricabile da oggi 30 ottobre negli store digitali per Ios e Android, oppure alla pagina ufficiale del progetto,   www.themedicigame.com . Modico il prezzo, solo 2,29 euro, e ben sette le lingue  disponibili:  italiano, inglese, spagnolo, russo, portoghese, cinese e giapponese. 

Ideato ed edito da Sillabe e promosso da Opera Laboratori Fiorentini – Civita in collaborazione con le Gallerie degli Uffizi, il gioco – realizzato dall’associazione TuoMuseo – è un’avventura investigativa dalle tinte esoteriche. Ambientato nelle fastose sale della residenza granducale, tra arredi spettacolari e gli spazi ameni del Giardino di Boboli (la Grotta Buontalenti), ha come protagonista Caterina, giovane e intraprendente storica dell’arte. Durante una visita a Palazzo Pitti – si legge nelle note ufficiali di presentazione – la ragazza si ritrova coinvolta in un misterioso caso di omicidio, avvenuto proprio tra le mura della reggia. Per uscirne indenne, e possibilmente viva, Caterina sarà costretta ad improvvisarsi detective e a risolvere, anche grazie alle sue competenze storico-artistiche, una lunga serie di enigmi che la porteranno a scoprire i segreti plurisecolari gelosamente custoditi dalle mura dell’antico palazzo.

Uno scenario del videogioco The Medici Game: murder at Palazzo Pitti

Uno scenario del videogioco The Medici Game: murder at Palazzo Pitti

“Ricreare fedelmente a livello digitale sale e opere d’arte di Palazzo Pitti è un’operazione molto appassionante – spiega il game director di The Medici Game Massimiliano Elia – così come realizzare in 3D oggetti, soprammobili e arredi storici. Ed una parte importante nella creazione dell’atmosfera del gioco è anche svolta dell’elaborazione della luce stessa, che nell’equilibrio dinamico tra illuminazione, ombre e talvolta anche completa oscurità coinvolge ed ‘imprigiona’ sempre più il giocatore nell’avventura”.

Non resta dunque che scaricare l’App sullo smartphone e giocare.

©RIPRODUZIONE RISERVATA / ALL RIGHT RESERVED