MOSTRE / Villa Vicus Via: Archeologia e storia a San Pietro in Casale (Bo)

SAN PIETRO IN CASALE (BO) – Negli ultimi decenni il territorio di San Pietro in Casale ha restituito numerose, significative testimonianze archeologiche, frutto delle indagini dirette dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara. Si è trattato per lo più di rinvenimenti fortuiti collegati alla realizzazione di edifici, infrastrutture o servizi, e più raramente di scavi programmati e campagne di ricognizione di superficie condotti con l’apporto del Gruppo Archeologico Il Saltopiano, da anni impegnato con Comune e Soprintendenza nel promuovere questo significativo patrimonio.

La mostra archeologica Villa Vicus Via. Archeologia e storia a San Pietro in Casale si iscrive a pieno titolo in questo percorso di valorizzazione.

Curata da Tiziano Trocchi, Raffaella Raimondi ed Eleonora Rossetti e promossa dall’Unione Reno Galliera e dal Comune di San Pietro in Casale in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le Province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara, la mostra presenta l’importante patrimonio di età romana proveniente da questa porzione di pianura bolognese e ricucendo dati e testimonianze archeologiche riesce a restituire un’immagine a tutto tondo di questo territorio nel periodo compreso tra la fine del I sec. a.C. e l’inizio del IV sec. d.C.

Cuore di questo racconto è il Vicus di Maccaretolo, un abitato inserito in un tessuto insediativo antico esteso anche ai territori limitrofi e caratterizzato dalla presenza di un’importante Via di traffico e di numerosi impianti produttivi, come la Villa rustica rinvenuta presso il Centro Sportivo di San Pietro in Casale. Esponendo i reperti in sezioni tematiche, la mostra racconta alcuni degli aspetti più significativi della vita della civiltà romana in un contesto rurale, dall’ambito sacro a quello funerario, dagli aspetti produttivi e commerciali alla vita quotidiana.

Tra gli oggetti più eclatanti si segnalano un puteale in pietra con dedica ad Apollo e al Genio di Augusto, un’ara votiva con dedica a Liber pater e Libera, un sarcofago lapideo della seconda metà del II secolo d.C., un’applique in bronzo con il ratto di Europa e due commoventi gemme con decorazione a intaglio, un diaspro verde con figura di donna e una corniola rossa con un insetto a otto zampe, forse uno scorpione.

Il percorso espositivo è arricchito dalla mostra fotografica “Il tempo e la luce” che documenta i reperti monumentali conservati in collezioni museali civiche e private provenienti in particolare dal territorio di Maccaretolo.

Completano l’esposizione un dettagliato catalogo e un ricco calendario di incontri di approfondimento.

Il panorama insediativo antico di questa fascia di territorio bolognese si presenta quanto mai ricco e denso di testimonianze soprattutto a partire dalla romanizzazione della Pianura Padana e in particolare in corrispondenza delle fasi di maggior fioritura di questo lungo e articolato processo storico che ha interessato tutto il territorio regionale, ovvero tra la tarda Repubblica ed i primi due secoli dell’Impero. In questa fase il territorio della regione venne stabilmente organizzato e sistematicamente messo a coltura tramite il tracciamento e la messa in opera della centuriazione che, grazie a strade e canali irrigui, ha costituito uno straordinario strumento di gestione ambientale, economica e politica al tempo stesso di questa grande e fertile pianura. Qui sono stati progressivamente insediati coloni, molto spesso veterani provenienti dalle fila delle legioni che formavano l’esercito romano, fenomeno che prese proporzioni importanti soprattutto dall’età triumvirale in poi e particolarmente in età augustea.
Capisaldi di questa espansione territoriale furono ovviamente le colonie –le città- che si dislocarono nella maggior parte dei casi lungo il tracciato della Via Emilia e funsero da centri di gestione e organizzazione del territorio sia dal punto di vista economico che politico. Bologna (Bononia), che già era stata importante città etrusca e poi occupata da genti celtiche, fu certamente il principale di questi centri e il territorio che la mostra prende in esame faceva parte a pieno titolo dell’agro di questa città.
Sappiamo che questo comparto territoriale in specifico rivestì una particolare importanza, per la presenza di un percorso viario, solo parzialmente rimesso in luce dall’archeologia e citato dalle fonti storiche: l’antica Via Emilia Altinate (o Via Annia) che congiungeva Bologna all’attuale territorio padovano. La presenza di quest’asse stradale dovette fungere da elemento catalizzatore, sia per una capillare occupazione territoriale agricola, che pure si mantenne grosso modo entro gli schemi determinati dalla suddivisione centuriale, sia per lo sviluppo di altre attività economiche che potevano essere funzionali alle città che la via metteva in comunicazione tra loro.
In questo contesto storico non stupisce la presenza a San Pietro in Casale, in località Maccaretolo, di un centro abitato (vicus), probabilmente di notevoli proporzioni, che è stato oggetto di rinvenimenti di altissimo valore storico-testimoniale sin dai primi recuperi del XVI secolo: un puteale in pietra con dedica ad Apollo e al Genio di Augusto, la stele dei Cornelii, la stele di Quinto Manilio Cordo, vari resti architettonici e scultorei, tra cui una statua di togato, appartenenti a imponenti monumenti sepolcrali del tipo a edicola cuspidata, tutti reperti oggi esposti presso il Museo Civico Archeologico di Bologna. A questi si è aggiunto nel 1988 il ritrovamento di un sarcofago lapideo della seconda metà del II secolo d.C. oggi esposto nel percorso della mostra, in un allestimento appositamente realizzato e destinato a rimanere permanente.

Sarcofago lapideo della seconda metà del II secolo (foto Circolo fotografico Punti di Vista, Artistigando)
Sarcofago lapideo della seconda metà del II secolo d.C.

Le campagne di ricognizione di superficie e gli scavi programmati anche in anni recenti hanno senz’altro confermato l’importanza di questo centro, mettendone in luce la vocazione fortemente produttiva, con molta probabilità legata alla lavorazione dei metalli, ma forse anche di altri materiali di pregio, da destinare ad un bacino commerciale di dimensione certamente sovra-regionale. Le testimonianze dell’epigrafia confermano l’importanza del centro che, in particolar modo in età augustea, dovette conoscere una fioritura notevolissima, così come tutto il territorio circostante.
Ed è proprio di questo che la mostra vuole occuparsi: attraverso una ricucitura dei dati sinora noti e delle testimonianze disponibili, sia di ambito rurale che legate al centro abitato, si vuole restituire un’immagine complessiva di questo territorio così ricco di fermenti e presenze tra loro differenziate durante il periodo romano, tanto da poter offrire una complessità e molteplicità di punti di vista, che pochi altri settori della nostra pianura possono proporre per lo stesso periodo.
Il centro del “racconto” sarà quindi l’abitato di Maccaretolo con le sue eccezionali testimonianze, inserito in un tessuto insediativo complessivo, che, includendo le realtà agricole, come ad esempio la grande villa rustica rinvenuta presso il Centro sportivo “E. Faccioli” di San Pietro in Casale, darà conto dell’interazione e dell’integrazione tra i vari soggetti economici e politici presenti e operanti nel territorio.
Uno dei reperti più interessanti e significativi proveniente dal settore NW dell’area di scavo dell’abitato di Maccaretolo è rappresentato da un’applique in bronzo raffigurante il profilo sinistro di un toro su cui siede una figura femminile panneggiata. Di questa si conservano le due gambe, la destra scoperta e più in alto rispetto alla sinistra in una posizione di precarietà e sbilanciamento, tale da portare la sua mano destra ad aggrapparsi ad uno dei due corni dell’animale, presumibilmente in movimento e con andamento al trotto visto il dettaglio della zampa alzata, così come della coda attorcigliata.

Applique in bronzo con Il ratto di Europa (da Maccaretolo)
Applique in bronzo con raffigurazione del ratto di Europa (scavi Maccaretolo)

Sebbene il reperto sia in parte lacunoso, la composizione iconografica porta ad identificare i protagonisti della rappresentazione come Europa (la giovane seduta sull’animale) e Zeus (in sembianze di toro) nella raffigurazione conosciuta come il “ratto di Europa” riferibile dell’omonimo mito greco.  Questo narra come il dio, invaghitosi della giovane, figlia del re di Tiro Agenore, decise con l’inganno, e attraverso la sua trasformazione in un toro bianco, di rapire la ragazza portandola sull’isola di Creta. Dall’unione dei due, nacquero tre figli tra cui Minosse, futuro re di Creta.
La rappresentazione iconografica di tale soggetto ebbe nel mondo antico una produzione artistica di largo successo sin dal VII sec. a.C., non solo nelle produzioni in metallo ma anche in quelle fittili e lapidee; in età romana particolarmente significativo è la ricorrenza del tema all’interno della produzione musiva. Il medesimo soggetto è riproposto in regione anche per una presumibile applique in metallo, rinvenuta in una tomba della necropoli romana di Pian Di Bezzo di Sarsina, databile tra il I e il II sec. d.C.  L’esemplare di Maccaretolo, benché simile, si distanzia dalla rappresentazione sarsinate per la pregiata lavorazione del metallo, l’attenzione ai dettagli e la delicatezza delle forme e del movimento che, unitamente ai particolari iconografici, portano a datare il manufatto alla seconda metà del I sec. d.C.
Il quadro generale dell’esposizione non è comunque limitato al solo territorio comunale -che pure ne costituisce il focus- ma si dilata con testimonianze a campione, estendendosi anche ad alcuni comuni limitrofi, come Bentivoglio, San Giorgio di Piano e Galliera, per evidenziare la complessità dell’assetto territoriale in cui si inquadrano i materiali archeologici esposti in mostra.


Informazioni:

Museo Casa Frabboni

Via Matteotti n. 137

San Pietro in Casale (BO)

dal 1 ottobre 2016 al 31 gennaio 2017

martedì 10-12; giovedì e venerdì 15-19; sabato e domenica 10-12 e 15-19

info 051 8904821 – musei@renogalliera.it   www.renogalliera.it

Aperture straordinarie: 1 novembre, 8 dicembre, 26 dicembre, 6 gennaio dalle 15 alle 19. Chiuso Natale e Capodanno

Ingresso gratuito

Visite guidate con laboratori didattici per le scuole e visite guidate per gruppi: prenotazione obbligatoria al Servizio Musei Unione Reno Galliera tel. 051 8904821 – 366 5267569 musei@renogalliera.it  –  www.renogalliera.it   (info dal lunedì al sabato dalle 10 alle 18)

Il catalogo della mostra, edito per i tipi All’Insegna del Giglio, è in distribuzione presso il Museo Casa Frabboni


Eventi collegati alla mostra

Sabato 24 settembre 2016, ore 19.00
San Pietro in Casale | Centro sociale ricreativo culturale “E. Faccioli” (via Massarenti 19)
Cibus: a tavola con i Romani. Cena a base di piatti della cucina classica romana a cura di Federica Badiali
Prenotazione obbligatoria entro il 21/9 al Servizio Musei Unione Reno Galliera | Costo € 15,00

Domenica 25 settembre 2016, ore 20.30
Bentivoglio | Centro culturale TeZe (via Berlinguer 7)
We love archaeology. Archeologia partecipata e volontariato. Altre radici, stessa passione
Relatori Caterina Cornelio Cassai, Valentino Nizzo, Tiziano Trocchi, Funzionari SABAP-BO

Giovedì 6 ottobre 2016, ore 20.45
Galliera | Sala consiliare del Municipio (Piazza Eroi della libertà 1, San Venanzio di Galliera)
Morte nell’arena. L’arte gladiatoria tra storia e leggenda
Relatrice Federica Guidi, funzionaria del Museo Civico Archeologico di Bologna

Mercoledì 19 ottobre 2016, ore 20.45
Castel Maggiore | Sala dei Cento, presso il Distretto sanitario (Piazza 2 Agosto 1980, 2)
Misurare la terra. Viabilità e centuriazione nell’agro bononiense
Relatrice Renata Curina, funzionaria SABAP-BO

Lunedì 24 ottobre 2016, ore 20.45
San Giorgio di Piano | Sala consiliare del Municipio (via Libertà 35)
Divinità e culto. Aree ed edifici sacri nel territorio di Bologna romana
Relatrice Daniela Rigato, docente al corso di Storia antica Università di Bologna

Mercoledì 9 novembre 2016, ore 20.45
Bentivoglio | Centro culturale TeZe (via Berlinguer 7)
In agro pedes. Necropoli e ritualità funeraria
Relatore Tiziano Trocchi, funzionario SABAP-BO

Martedì 15 novembre 2016, ore 20.45
Argelato | Emil Banca, Sala Enzo Spaltro (via Argelati 10)
La donna e la moda al tempo dei Romani
Relatrice Francesca Cenerini, docente di storia sociale e di epigrafia, corso Storia antica Università di Bologna

Mercoledì 30 novembre 2016, ore 20.45
Castello d’Argile | Sala polifunzionale (via del Mincio 1)
La storia delle acque di pianura, dai Romani all’attualità
Relatrice Alessandra Furlani, responsabile comunicazione Bonifica Renana

Sabato 14 gennaio 2017, ore 20.45
Pieve di Cento | Teatro A. Zeppilli (Piazza A. Costa 17)
Anfitrione, commedia di Plauto
a cura della compagnia teatrale Fil di ferro, regia di Ferruccio Fava

Mercoledì 18 gennaio 2017, ore 20.45
San Pietro in Casale | Sala consiliare “Nilde Iotti” del Municipio (via Matteotti 154)
Villa Vicus Via. Archeologia e storia a San Pietro in Casale. Bilancio e prospettive
Relatrice Raffaella Raimondi, archeologa e curatrice della mostra

Annunci

Un pensiero su “MOSTRE / Villa Vicus Via: Archeologia e storia a San Pietro in Casale (Bo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...