ARCHEOLOGIA / Lindisfarne, trovati (forse) i resti del primo monastero distrutto dai Vichinghi

#ARCHEOLOGIA #Lindisfarne, trovati (forse)  i resti del primo monastero distrutto dai Vichinghi @TheDigVenturers

© Perceval Archeostoria – All rights reserved. Nessuna parte di questo blog può essere copiata o riprodotta senza citare la fonte.

LINDISFARNE (UK) [Via DIGVentures] – Il mistero del luogo esatto dove sorgeva il primissimo monastero di Lindisfarne, fondato sull’omonima isola da Sant’Aidan (+651) intorno al 635 e raso al suolo da un’incursione vichinga nel 793, potrebbe essere presto risolto. La campagna di scavi, attualmente in corso presso le rovine del successivo cenobio costruito in epoca normanna e poi soppresso nel 1536 da Enrico VIII, ha rivelato infatti la presenza di alcuni reperti risalenti ad un’epoca precedente, quella anglosassone. In particolare, nella “Trincea 2” aperta in “Sanctuary Close”  è stato trovato un segnacolo sepolcrale  databile alla metà del VII-inizio VIII secolo, quindi  coevo al primo monastero nel cui scriptorium fu realizzato il celeberrimo Evangeliario di Lindisfarne, capolavoro della miniatura insulare.  Solo 13 stele simili sono state trovate finora sull’isola.

13533224_10154354703828203_3263720784538789080_n-660x440

Particolare del segnacolo (foto: DigVentures)

Il segnacolo, parte di una lapide sepolcrale, presenta un’incisione a bassorilievo piuttosto elaborata: sono chiaramente visibili parti di una croce due lettere (una B e forse una A, tracciate in maniera elegante)  e una iscrizione: ‘FRITH’, la parte terminale di un tipico nome Anglosassone. Il foro centrale probabilmente conteneva reliquie o un gioiello: gli archeologi ipotizzano che la lapide integra misurasse all’incirca 30-35 cm e che in origine si trovasse in corrispondenza dell’antico camposanto del monastero. Una lapide molto simile come tipologia è quella, già nota e anch’essa trovata sull’isola di Lindisfarne, che ricorda un certo “Osgyth” (foto sotto).

osgyth-stone-450x474

Lapide di Osgyth dal priorato di Lindisfarne (foto: DigVentures)

 

La scoperta è stata seguita, pochi giorni dopo, dal ritrovamento di un altro frammento di lapide anch’esso decorato (sotto).

 

13507156_10154354704923203_5516173942233078660_n

Frammento di lapide da Lindisfarne (foto: DigVentures)

800px-meister_des_book_of_lindisfarne_002

Evangeliario di Lindisfarne (foto: Wikipedia)

Gli scavi, che proseguiranno nei prossimi mesi,  sono stati finanziati con una raccolta di fondi di 25mila sterline.

Via DIGVentures

© Perceval Archeostoria – All rights reserved. Nessuna parte di questo blog può essere copiata o riprodotta senza citare la fonte.

Advertisements

Un pensiero su “ARCHEOLOGIA / Lindisfarne, trovati (forse) i resti del primo monastero distrutto dai Vichinghi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...