Benevento, quattro giorni alla scoperta dei Longobardi nella nuova edizione della Contesa di Sant’Eliano

cBENEVENTO – Rivivere le vicende e le suggestioni del ducato di Benevento: anche quest’anno sarà possibile in occasione quinta edizione di Benevento Longobarda curata dall’omonima associazione, il ciclo eventi incentrati sulla figura di Arechi II, ultimo duca e primo principe, a cui sono legati alcuni avvenimenti fondamentali per la storia della città. Dal 23 al 26 giugno andrà dunque in scena la Contesa di Sant’Eliano, che ricorda un importante episodio storico: il recupero nel 763, da parte del gastaldo di Arechi II, delle reliquie del martire Eliano che si trovavano a Bisanzio. Giunte in città, furono contese tra le Fare cittadine, che volevano aggiudicarsi i benefici derivanti dalla loro custodia. La Contesa ripropone questo “scontro” fra Fare tra gare di forza, coraggio e destrezza: la Fara che avrà ottenuto il maggior numero di vittorie godrà del privilegio di custodire le reliquie del santo per un anno, fino alla prossima contesa.

Il programma degli eventi, come sempre molto ricco di attività per grandi e piccini, prevede oltre ai vari Palii numerosi concerti, spettacoli, visite guidate nei monumenti. La parte didattica è garantita dalla presenza di banchi dedicati alla vita quotidiana e curati dai vari gruppi di rievocazione presenti: Benevento Longobarda, Tempora Medievalis, Fortebraccio Veregrense, Gens Langobardorum, Vita Antiqua. La novità di quest’anno sarà però il ciclo di conferenze di approfondimento culturale e scientifico, intitolato “I Longobardi nel Mezzogiorno: una storia da riscoprire”.

Gli incontri, curati dalla medievista Elena Percivaldi, si terranno nella Chiesa del SS. Salvatore. Giovedì protagonista sarà il grande storico dei longobardi, Paolo Diacono, la cui vicenda umana e culturale sarà ripercorsa nella conferenza “Da Cividale a Montecassino: sulle tracce di Paolo Diacono” con la partecipazione del francescano p. Luigi Carillo.

Venerdì si terranno incontri dedicati a  “Benevento tra Longobardi e Normanni: alla ricerca di un’identità”, con la presenza di specialisti quali Claudio Azzara, Marcello Rotili e Tommaso Indelli. L’evento sarà seguito da un concerto e dalla presentazione del dossier sul complesso di Santa Sofia, patrimonio UNESCO, pubblicato proprio su questo numero di “Medioevo”: interverrà anche il direttore del mensile, Andreas Steiner.

Sabato sarà invece la volta di “Lo Scrigno del Tempo: i tesori dei Longobardi”, in cui l’editore Enrico Chigioni illustrerà il suo progetto di edizione di alcuni facsimili di manoscritti longobardi tra cui il Codice Cavense 4 di Cava de’ Tirreni, che contiene tra gli altri testi legislativi l’Editto di Rotari.

Infine domenica ci sarà un focus sulla vita quotidiana al tempo dei longobardi: a mostrarne i vari aspetti, dall’abbigliamento all’armamento, dalla scrittura alla medicina, saranno ancora una volta i rievocatori.

Altra novità è costituita dai concerti che si svolgeranno all’interno della Chiesa di Santa Sofia, tra cui il concerto-conferenza sul Canto Sacro curato da Mario Iadanza, Luigi Carillo e Tetyana Shyshnyak, che inaugurerà la rassegna. Altro appuntamento da non perdere sarà la drammatizzazione dei carmi sepolcrali dei principi longobardi della Cattedrale di Benevento, che si svolgerà nel Museo Diocesano (Pseudocripta del Duomo), con una conferenza a cura di don Mario Iadanza e Marina Maio, letture a cura di Giuseppe Vallone e musiche di Anna Cefalo.

Infine, grande appuntamento sarà quello della rievocazione del Matrimonio di Arechi e Adelperga, che verrà realizzata dapprima all’interno di Santa Sofia per le telecamere di Rai Storia e poi per tutto il pubblico sul sagrato della Chiesa e in corteo fino a Piazza Castello.

Come ogni anno, Piazza Castello diventerà un piccolo villaggio longobardo, con accampamento militare, campo di tiro, banchi didattici e centinaia di figuranti e rievocatori che riporteranno in vita il Ducato di Benevento.

La manifestazione è organizzata interamente senza fondi pubblici e sostenuta tramite crowdfunding.

Per informazioni, aggiornamenti e programma completo: http://www.beneventolongobarda.it

 

 


PROGRAMMA  UFFICIALE

Giovedì 23 giugno 2016

 ore 17.00 Piazza Castello

Apertura banchi didattici di archeologia sperimentale

a cura dell’Associazione Benevento Longobarda, Tempora Medievalis e Compagnia della Stella

banchi presenti: Banco della Scrittura Beneventana, Banco della Tessitura e della Tintura, Banco delle Armi, Banco dell’Arcaio con annesso Campo di Tiro con Arco Storico, Banco del Conio (coniatura a freddo della Tremisse di Arechi II).

 

ore 18.00  Chiesa del SS Salvatore

Presentazione della manifestazione

Con Alessio Fragnito, fondatore e presidente di Benevento Longobarda

Elena Percivaldi, medievista e scrittrice, Perceval Archeostoria

 

ore 18.30 Chiesa del SS Salvatore

Da Cividale a Montecassino, sulle orme di Paolo Diacono.

Incontro con Padre Luigi Carillo ed Elena Percivaldi

I due relatori ripercorreranno la vita e le opere del grande intellettuale, scrittore, poeta nonché celebre storico dei Longobardi. Nativo di Cividale del Friuli, Paolo viaggiò molto in tutta la penisola, soggiornò presso la corte di Carlo Magno (da cui si recò per chiedere la liberazione del fratello catturato dai Franchi durante una rivolta, fuggendo poi dopo averla ottenuta), fu precettore di Adelperga, figlia di re Desiderio e sposa di Arechi II di Benevento, alla quale dedicò un Carme e un’opera storica. Morì infine monaco a Montecassino nel 799 dopo essere stato tra i protagonisti della cosiddetta “rinascenza carolingia” e aver contribuito a eternare le memorie storiche della sua gente, di cui è oggi considerato testimone principale e imprescindibile.

 

ore 19.30 partenza da Piazza Castello

Che Barba Lunga che hai!!!

(spettacolo a prenotazione obbligatoria)

Spettacolo itinerante per bambini e adulti, cani e gatti, Longobardi e non; che con un po’ di ironia e tanta ingenuità cerca di ritrovare e rappresentare le origini mitiche dei Longobardi. Districandosi tra divinità pigrone dai nomi strani e durissimi combattimenti al penultimo sangue.

 

ore 20.30 partenza da Piazza Castello

Incantesimi e Realtà

(spettacolo a prenotazione obbligatoria)

Percorso turistico emozionale a cura di Verehia

 

ore 20.30 Chiesa di Santa Sofia

O Viriditas. Il Canto Sacro dai longobardi beneventani a Hildegarda di Bingen.

Conferenza a cura di don Mario Iadanza, direttore della Biblioteca Arcivescovile di Benevento e Padre Luigi Carillo, medievista

Repertorio di Antifone eseguite da Padre Luigi Carillo e Tetyana Shyshnyak

Una conferenza-concerto che partendo dalla nascita ed evoluzione del canto beneventano ci farà scoprire le magnifiche sonorità regalate dalla Chiesa di Santa Sofia e ci accompagnerà in un viaggio nel tempo e nella musica dai longobardi beneventani fino alla figura di Hildegarda di Bingen, innovatrice del canto sacro e autrice di splendide antifone.

 

ore 20.30 Piazza Castello

Cena medievale in costume

Ai partecipanti verrà fornito un costume ed il menù sarà rigorosamente altomedievale.

(solo su prenotazione a info@beneventolongobarda.it – numero limitato)

 

ore 21.00 partenza da Piazza Castello

Che Barba Lunga che hai!!!

(spettacolo a prenotazione obbligatoria)

Spettacolo itinerante per bambini e adulti, cani e gatti, Longobardi e non; che con un po’ di ironia e tanta ingenuità cerca di ritrovare e rappresentare le origini mitiche dei Longobardi. Districandosi tra divinità pigrone dai nomi strani e durissimi combattimenti al penultimo sangue.

 

ore 21.30 Piazza Castello

Palio dei Balestrieri

Prima Gara della Contesa

Nell’anno del signore 763 il prode galstaldo Gualtari si recò a Bisanzio per ordine del Duca  Arechi II e tornò a Benevento con le sacre reliquie del Martire Eliano, uno dei famosi Santi Quaranta Martiri di Sebaste. Da allora le Fare cittadine se le contendono al fine di garantirsi le sue proprietà benefiche. Lo scorso anno le Reliquie furono vinte dalla Fara del Duca, che per questo non può partecipare alla Contesa.

La Prima Gara, ovvero il Palio dei Balestrieri, consiste in una serie di prove con diversi tipi di bersaglio, con difficoltà crescente ed eliminazione graduale dei contendenti. Ogni Fara potrà schierare 3 balestrieri.

 

ore 22.00 Piazza Castello

Historia Langobardorum

Spettacolo di ombre a cura di Angelo Miraglia

Uno spettacolo di ombre che racconterà la storia dell’arrivo dei Longobardi in Italia, la discesa a Benevento, la costruzione della chiesa di Santa Sofia e la deposizione nella chiesa delle reliquie di Sant’Eliano di cui si narreranno le gesta. La tecnica delle ombre e del racconto animato è presentato per la prima volta.

 

ore 22.30 Piazza Castello

Il Finto Speziale

Spettacolo di Commedia dell’Arte. Regia di Giuseppe Vallone

Un gradevole intermezzo teatrale improntato sui canoni della commedia dell’arte. C’è la figura del servo e del giovane innamorato, del padre severo e della sorella attenta e furba, della fanciulla contesa da due pretendenti…ma come in tutte le commedie brillanti il giocoso lieto fine è assicurato. Il tutto adattato al periodo longobardo

 

 Venerdì 24 giugno

ore 10.30 partenza da Piazza Castello

#scopriamobenevento

(evento a prenotazione obbligatoria)

Percorso turistico emozionale a cura di Verehia

 

Ore 11.30 Chiesa del SS Salvatore

Benevento e i Longobardi

Incontro con Marcello Rotili (Seconda Università di Napoli).

Modera: Elena Percivaldi.

Marcello Rotili, docente di Storia ed Archeologia medievale presso la Seconda Università di Napoli è universalmente considerato uno dei massimi esperti della Langobardia Minor e dei longobardi in generale, a cui ha dedicato decenni di studi e di scavi.

 

ore 16.00 Piazza Castello

Apertura dei banchi didattici di archeologia sperimentale

a cura di Benevento Longobarda, Tempora Medeivalis e Compagnia della Stella

banchi presenti: Banco della Scrittura Beneventana, Banco della Tessitura e della Tintura, Banco delle Armi, Banco dell’Arcaio con annesso Campo di Tiro con Arco Storico, Banco del Conio (coniatura a freddo della Tremisse di Arechi II).

 

ore 17.00 Chiesa del SS Salvatore

Benevento tra Longobardi e Normanni

Tavola rotonda con Claudio Azzara (Università di Salerno) e  Tommaso Indelli (Università di Salerno). Modera: Elena Percivaldi.

I relatori illustreranno le caratteristiche dell’occupazione longobarda nel Mezzogiorno con particolare riferimento al Ducato di Benevento, e la sua importanza per la storia locale. Si esamineranno anche le testimonianze che hanno lasciato nell’arte figurativa e nella cultura locale, nella memoria e nell’immaginario collettivo, fino al tramonto avvenuto con l’avvento dei Normanni. Moderato sempre da Elena Percivaldi, l’incontro si chiuderà con la presentazione di due importanti novità editoriali: Il tramonto della Langobardìa minor. I principati di Pandolfo Capodiferro e Guaimario IV (X- XI sec.) dello stesso Indelli (Editrice Gaia, 2015) e I Longobardi, del prof. Azzara (Il Mulino, 2015).

 

ore 18.00 partenza da Piazza Castello

Sulle Tracce dei Longobardi

(evento a prenotazione obbligatoria)

Percorso turistico emozionale a cura di Verehia

 

ore 18.00 Chiesa del SS Salvatore

Dossier Santa Sofia

Presentazione del dossier su Santa Sofia pubblicato sul numero di giugno della rivista MedioEvo, prestigioso mensile di divulgazione, con la presenza del direttore Andreas Steiner

 

ore 18.30 Museo Diocesano (Duomo)

I Longobardi e la Cattedrale

Drammatizzazione dei carmi sepolcrali dei principi longobardi della Cattedrale di Benevento.

Conferenza a cura di don Mario Iadanza e Marina Maio.

Letture a cura di Giuseppe Vallone. Musiche di Anna Cefalo.

Nello splendido scenario della pseudocripta del Duomo, Mario Iadanza e Marina Maio illustreranno la storia nascosta della cattedrale e il suo rapporto con i principi longobardi, sepolti nel cosiddetto “paradiso” e a cui sono dedicati carmi che verranno interpretati da Giuseppe Vallone con l’accompagnamento di Arpa celtica a cura di Anna Cefalo

 

ore 19.30 partenza da Piazza Castello

Che Barba Lunga che hai!!!

(spettacolo a prenotazione obbligatoria)

Spettacolo itinerante per bambini e adulti, cani e gatti, Longobardi e non; che con un po’ di ironia e tanta ingenuità cerca di ritrovare e rappresentare le origini mitiche dei Longobardi. Districandosi tra divinità pigrone dai nomi strani e durissimi combattimenti al penultimo sangue.

 

ore 20.30 Chiesa di Santa Sofia

Winileod in concerto

Progetto di Archeologia Sperimentale Musicale

I Winileod (parola germanica che significa canti amici o canti popolari) sono il progetto nato nel 2014 di “archeologia sperimentale musicale” della compagnia Fortebraccio Veregrense. Il gruppo si ripropone di ricercare, esplorare e ricostruire la musica altomedievale, riproponendo brani soprattutto di natura popolare/profana, attingendo dalla tradizione orale, dai manoscritti, dall’epica, utilizzando e anche in parte realizzando repliche degli strumenti dell’epoca giunti fino a noi tramite reperti (Lira di Trossingern e Sutton Hoo, flauti di osso), iconografia (citola carolingia , crotta gallese, gemshorn ed altri).

 

 ore 20.30 partenza da Piazza Castello

Incantesimi e Realtà

(evento a prenotazione obbligatoria)

Percorso turistico emozionale a cura di Verehia (prenotazione obbligatoria)

 

ore 21.00 partenza da Piazza Castello

Che Barba Lunga che hai!!!

(spettacolo a prenotazione obbligatoria)

Spettacolo itinerante per bambini e adulti, cani e gatti, Longobardi e non; che con un po’ di ironia e tanta ingenuità cerca di ritrovare e rappresentare le origini mitiche dei Longobardi. Districandosi tra divinità pigrone dai nomi strani e durissimi combattimenti al penultimo sangue.

 

ore 21.00 Piazza Castello

Palio degli Arcieri

Seconda Gara della Contesa

Nell’anno del signore 763 il prode galstaldo Gualtari si recò a Bisanzio per ordine del Duca  Arechi II e tornò a Benevento con le sacre reliquie del Martire Eliano, uno dei famosi Santi Quaranta Martiri di Sebaste. Da allora le Fare cittadine se le contendono al fine di garantirsi le sue proprietà benefiche. Lo scorso anno le Reliquie furono vinte dalla Fara del Duca, che per questo non può partecipare alla Contesa.

La Seconda Gara, ovvero il Palio degli Arcieri, consiste in una serie di prove con diversi tipi di bersaglio, con difficoltà crescente ed eliminazione graduale dei contendenti. Ogni Fara potrà schierare 4 arcieri.

 

ore 22.00 Piazza Castello

Historia Langobardorum

Spettacolo di ombre a cura di Angelo Miraglia

Uno spettacolo di ombre che racconterà la storia dell’arrivo dei Longobardi in Italia, la discesa a Benevento, la costruzione della chiesa di Santa Sofia e la deposizione nella chiesa delle reliquie di Sant’Eliano di cui si narreranno le gesta. La tecnica delle ombre e del racconto animato è presentato per la prima volta.

 

dalle ore 22.00 ogni 15 minuti Piazza Castello

Le Giullarate

Sketch di Commedia dell’Arte. Regia di Massimiliano Fini ed Elena Cuoco

Attrici e attori beneventani alle prese con piccole commedie, brevi ma intense, tratte dalla tradizione giullaresca, da Boccaccio e dalla creatività locale.

 

ore 22.30 Piazza Castello

Emian Pagan Folk

Concerto di musica medievale

Gli Emian Pagan Folk sono da anni la colonna sonora ufficiale della rievocazione. Tra brani medievali e sonorità celtiche dell’antica tradizione pagana, gli Emian arricchiscono le serate con il proprio particolarissimo repertorio. Gli Emian sono: Aianna Egan (arpa irlandese, voce)  Emain Druma (percussioni, violino, flauti, ghironda, santur, voce), Rohan (basso, bouzouki irlandese, tin whistle, cori), Máirtín Killian (batteria e percussioni, chitarra, cori)

 

Sabato 25 giugno

 ore 10.30 partenza da Piazza Castello

#scopriamobenevento

(evento a prenotazione obbligatoria)

Percorso turistico emozionale a cura di Verehia

 

dalle 11.00 alle 13.00

apertura straordinaria della Chiesa del SS Salvatore per visite

 

ore 16.00 Piazza Castello

Apertura dei banchi didattici di archeologia sperimentale

a cura di Benevento Longobarda, Tempora Medievalis, Fortebraccio Veregrense, Gens Langobardorum, Vita Antiqua

banchi presenti: Banco della Scrittura Beneventana, Banco della Tessitura e della Tintura, Banco delle Armi, Banco dell’Arcaio con annesso Campo di Tiro con Arco Storico, Banco del Conio (coniatura a freddo della Tremisse di Arechi II), Banco dell’Ingeniarus (con trabucco e riproduzione in scala di macchine d’assedio), Banco dell’Armaiolo, Banco del Coramaio (lavorazione cuoio), Banco del Barattier (giochi storici), Banco del Musivarius (realizzazione mosaici), Alimentazione, scene di vita quotidiana.

 

ore 17.00 Chiesa del SS Salvatore

Presentazione del progetto Lo Scrigno del Tempo: i tesori dei longobardi. 

Con Claudio Azzara, Enrico Chigioni, Elena Percivaldi.

Enrico Chigioni illustrerà il suo progetto di edizione di alcuni facsimili di manoscritti Longobardi tra cui il Codice Cavense 4 di Cava de’ Tirreni, che contiene tra gli altri testi legislativi anche l’Editto di Rotari.

 

ore 17.30 partenza da Piazza Castello

Che Barba Lunga che hai!!!

(spettacolo a prenotazione obbligatoria)

Spettacolo itinerante per bambini e adulti, cani e gatti, Longobardi e non; che con un po’ di ironia e tanta ingenuità cerca di ritrovare e rappresentare le origini mitiche dei Longobardi. Districandosi tra divinità pigrone dai nomi strani e durissimi combattimenti al penultimo sangue.

 

ore 18.00 partenza da Piazza Castello

Sulle Tracce dei Longobardi

(evento a prenotazione obbligatoria)

Percorso turistico emozionale a cura di Verehia

 

ore 18.30 partenza da Piazza Castello

Che Barba Lunga che hai!!!

(spettacolo a prenotazione obbligatoria)

Spettacolo itinerante per bambini e adulti, cani e gatti, Longobardi e non; che con un po’ di ironia e tanta ingenuità cerca di ritrovare e rappresentare le origini mitiche dei Longobardi. Districandosi tra divinità pigrone dai nomi strani e durissimi combattimenti al penultimo sangue.

 

ore 19.00 Corso Garibaldi

Corteo storico e Palio dei Servanti

Terza gara della Contesa

Nell’anno del signore 763 il prode galstaldo Gualtari si recò a Bisanzio per ordine del Duca  Arechi II e tornò a Benevento con le sacre reliquie del Martire Eliano, uno dei famosi Santi Quaranta Martiri di Sebaste. Da allora le Fare cittadine se le contendono al fine di garantirsi le sue proprietà benefiche. Lo scorso anno le Reliquie furono vinte dalla Fara del Duca, che per questo non può partecipare alla Contesa.

La Terza Gara, ovvero il Palio Servanti, consiste in una gara di tiro alla fune a cui partecipano piccoli e grandi, che si svolge lungo il Corso Garibaldi tra Piazza Castello e Santa Sofia. La gara avverrà al termine del corteo storico che partirà da Piazza Castello e raggiungerà Santa Sofia, dove verrà celebrata un’Ordalia.

 

ore 20.30 Corso Garibaldi

Giullarate in bilico

Spettacolo di giocoleria di Pierluigi Ricciardi

Uno spettacolo per grandi e piccini, in cui il pubblico diventa protagonista e tutta la famiglia si diverte  senza smettere mai di sorridere.

 

ore 20.30 partenza da Piazza Castello

Incantesimi e Realtà

(evento a prenotazione obbligatoria)

Percorso turistico emozionale a cura di Verehia

 

ore 20.30 Chiesa di Santa Sofia

Dai Longobardi al Viceregno Spagnolo degli Aragona 

un tuffo nel mare della musica dell’Europa Mediterranea 

Gli Odor Rosae Musices (Fabio Anti, Maddalena D’Amicis, Francesco Recchiuto, Vincenzo Vitti) presenteranno il seguente repertorio eseguito con strumenti musicali del periodo:

Bari XI-XII sec. – Sequentia Sancte Nicholaus

Laudario di Cortona XIV sec – Laude Novella

Cantigas de Santa Maria – XIII sec – Quen a Omagen

Grottaglie XIV-XV sec. – Lu ruagnu

Llibre Vermell – Stella Splendens

Tradizionale Grottaglie XIV-XV sec. – Innu a lla Matonna t’lu carmunu

Le Manucsrit du Roi c.a. 1270-1320 – Estampida

Guillaume de Machaut (1300-1377) – Ballada

Cancionero de Palacio XV-XVI sec. – Reina Madre de Dios

Cancionero de Palacio XV-XVI sec. – (Danza, para instrumentos) F. De La Torre

Cancionero de Palacio XV-XVI sec. – Adoramos Te Señor

Cancioneiro del Duca di Calabria (Uppsala) – Venetia 1556 – Riu riu chiu

Cancioneiro del Duca di Calabria (Uppsala) – Venetia 1556 – No la devemos dormir

 

ore 21.00 partenza da Piazza Castello

Che Barba Lunga che hai!!!

(spettacolo a prenotazione obbligatoria)

Spettacolo itinerante per bambini e adulti, cani e gatti, Longobardi e non; che con un po’ di ironia e tanta ingenuità cerca di ritrovare e rappresentare le origini mitiche dei Longobardi. Districandosi tra divinità pigrone dai nomi strani e durissimi combattimenti al penultimo sangue.

 

Ore 21.30 Piazza Castello

Palio degli Armigeri

Quarta gara della Contesa

Nell’anno del signore 763 il prode galstaldo Gualtari si recò a Bisanzio per ordine del Duca  Arechi II e tornò a Benevento con le sacre reliquie del Martire Eliano, uno dei famosi Santi Quaranta Martiri di Sebaste. Da allora le Fare cittadine se le contendono al fine di garantirsi le sue proprietà benefiche. Lo scorso anno le Reliquie furono vinte dalla Fara del Duca, che per questo non può partecipare alla Contesa.

La Quarta Gara, ovvero il Palio dei Balestrieri, si svolgerà sul palco di Piazza Castello e consiste in una serie di prove di abilità, forza e destrezza nelle quali saranno impegnati gli armigeri meno nobili: tiro con l’ascia, combattimenti con picca corta, lancia, spada e scudo.

 

ore 22.00 Piazza Castello

Historia Langobardorum

Spettacolo di ombre a cura di Angelo Miraglia

Uno spettacolo di ombre che racconterà la storia dell’arrivo dei Longobardi in Italia, la discesa a Benevento, la costruzione della chiesa di Santa Sofia e la deposizione nella chiesa delle reliquie di Sant’Eliano di cui si narreranno le gesta. La tecnica delle ombre e del racconto animato è presentato per la prima volta.

 

dalle ore 22.00 ogni 15 minuti Piazza Castello

Le Giullarate

Sketch di Commedia dell’Arte. Regia di Massimiliano Fini ed Elena Cuoco

Attrici e attori beneventani alle prese con piccole commedie, brevi ma intense, tratte dalla tradizione giullaresca, da Boccaccio e dalla creatività locale.

 

ore 22.30 Piazza Castello

Giullarate in bilico

Spettacolo di giocoleria di Pierluigi Ricciardi

Uno spettacolo per grandi e piccini, in cui il pubblico diventa protagonista e tutta la famiglia si diverte  senza smettere mai di sorridere.

 

ore 23.00 Piazza Castello

Emian Pagan Folk

Concerto di musica medievale

Gli Emian Pagan Folk sono da anni la colonna sonora ufficiale della rievocazione. Tra brani medievali e sonorità celtiche dell’antica tradizione pagana, gli Emian arricchiscono le serate con il proprio particolarissimo repertorio. Gli Emian sono: Aianna Egan (arpa irlandese, voce)  Emain Druma (percussioni, violino, flauti, ghironda, santur, voce), Rohan (basso, bouzouki irlandese, tin whistle, cori), Máirtín Killian (batteria e percussioni, chitarra, cori)

 

Domenica 26 giugno

 ore 10.30 partenza da Piazza Castello

#scopriamobenevento

(evento a prenotazione obbligatoria)

Visita guidata a cura di Verehia

 

dalle 11.00 alle 13.00

apertura straordinaria della Chiesa del SS Salvatore per visite

 

ore 12.00 Piazza Santa Sofia, Corso Garibaldi, Piazza Castello

Rievocazione storica del Matrimonio di Arechi e Adelperga

L’Associazione Benevento Longobarda, insieme a Gens Langobardourm e Fortebraccio Veregrense metterà in scena il matrimonio tra Arechi II e la principessa Adelperga, fiagliaa del Re Desiderio, celebrato nel 758 a Benevento, alla presenza di Paolo Diacono e dei maggiori arimanni d’Italia. La rievocazione verrà ripresa dalla telecamere per la realizzazione di un documentario per Rai Storia.

 

dalle 13 alle 16 pranzo medievale (prenotazione obbligatoria)

 

ore 15.00 Piazza Castello

Laboratorio di Tiro con l’Arco

 

ore 16.00 Piazza Castello

Apertura banchi didattici di archeologia sperimentale

a cura di Benevento Longobarda, Tempora Medievalis, Fortebraccio Veregrense, Gens Langobardorum, Vita Antiqua

banchi presenti: Banco della Scrittura Beneventana, Banco della Tessitura e della Tintura, Banco delle Armi, Banco dell’Arcaio con annesso Campo di Tiro con Arco Storico, Banco del Conio (coniatura a freddo della Tremisse di Arechi II), Banco dell’Ingeniarus (con trabucco e riproduzione in scala di macchine d’assedio), Banco dell’Armaiolo, Banco del Coramaio (lavorazione cuoio), Banco del Barattier (giochi storici), Banco del Musivarius (realizzazione mosaici), Alimentazione, scene di vita quotidiana.

 

ore 16.30 partenza da Piazza Castello

Che Barba Lunga che hai!!!

(spettacolo a prenotazione obbligatoria)

Spettacolo itinerante per bambini e adulti, cani e gatti, Longobardi e non; che con un po’ di ironia e tanta ingenuità cerca di ritrovare e rappresentare le origini mitiche dei Longobardi. Districandosi tra divinità pigrone dai nomi strani e durissimi combattimenti al penultimo sangue.

 

ore 17.00  Chiesa del SS Salvatore

La vita quotidiana al tempo dei longobardi

Incontro con Elena Percivaldi, Benevento Longobarda, Fortebraccio Veregrense, Gens Langobardorum

I gruppi storici presenti alla manifestazione mostreranno i vari aspetti della vita quotidiana, civile e militare dei longobardi, dall’abbigliamento all’armamento, dalla scrittura alla medicina. Con Benevento Longobarda, Tempora Medievalis, Fortebraccio Veregrense, Gens Langobardorum.

 

ore 17.30 partenza da Piazza Castello

Che Barba Lunga che hai!!!

(spettacolo a prenotazione obbligatoria)

Spettacolo itinerante per bambini e adulti, cani e gatti, Longobardi e non; che con un po’ di ironia e tanta ingenuità cerca di ritrovare e rappresentare le origini mitiche dei Longobardi. Districandosi tra divinità pigrone dai nomi strani e durissimi combattimenti al penultimo sangue.

 

ore 18.00 partenza da Piazza Castello

Sulle Tracce dei Longobardi

(evento a prenotazione obbligatoria)

Percorso turistico emozionale a cura di Verehia

 

ore 18.30 Corso Garibaldi

Corteo storico e Palio dei Cavalieri

Quinta Gara della Contesa

Nell’anno del signore 763 il prode galstaldo Gualtari si recò a Bisanzio per ordine del Duca  Arechi II e tornò a Benevento con le sacre reliquie del Martire Eliano, uno dei famosi Santi Quaranta Martiri di Sebaste. Da allora le Fare cittadine se le contendono al fine di garantirsi le sue proprietà benefiche. Lo scorso anno le Reliquie furono vinte dalla Fara del Duca, che per questo non può partecipare alla Contesa.

La Quinta Gara è senza dubbio la più spettacolare: i nobili Cavalieri (uno per ogni Fara concorrente), si affrontano in tre prove a difficoltà crescente quali la Corsa all’Anello, il Lancio del Giavellotto, la Corsa al Velluto. Il Palio dei Cavalieri si effettuerà al termine del Corteo Storico che partirà da Piazza Castello.

 

ore 19.30 partenza da Piazza Castello

Che Barba Lunga che hai!!!

(spettacolo a prenotazione obbligatoria)

Spettacolo itinerante per bambini e adulti, cani e gatti, Longobardi e non; che con un po’ di ironia e tanta ingenuità cerca di ritrovare e rappresentare le origini mitiche dei Longobardi. Districandosi tra divinità pigrone dai nomi strani e durissimi combattimenti al penultimo sangue.

 

ore19.30 Corso Garibaldi

Giullarate in bilico

Spettacolo di giocoleria di Pierluigi Ricciardi

Uno spettacolo per grandi e piccini, in cui il pubblico diventa protagonista e tutta la famiglia si diverte  senza smettere mai di sorridere.

 

ore 20.00 Piazza Castello

Il Finto Speziale  

Spettacolo di Commedia dell’Arte. Regia di Giuseppe Vallone

Un gradevole intermezzo teatrale improntato sui canoni della commedia dell’arte. C’è la figura del servo e del giovane innamorato, del padre severo e della sorella attenta e furba, della fanciulla contesa da due pretendenti…ma come in tutte le commedie brillanti il giocoso lieto fine è assicurato. Il tutto adattato al periodo longobardo

 

ore 20.30 partenza da Piazza Castello

Incantesimi e realtà

(evento a prenotazione obbligatoria)

Percorso turistico emozionale a cura di Verehia

 

ore 20.30 Chiesa di Santa Sofia 

Dai Longobardi al Viceregno Spagnolo degli Aragona

un  tuffo nel mare della musica  dell’Europa Mediterranea 

Gli Odor Rosae Musices (Fabio Anti, Maddalena D’Amicis, Francesco Recchiuto, Vincenzo Vitti) presenteranno il seguente repertorio eseguito con strumenti musicali del periodo:

Bari XI-XII sec. – Sequentia Sancte Nicholaus

Laudario di Cortona XIV sec – Laude Novella

Cantigas de Santa Maria – XIII sec – Quen a Omagen

Grottaglie XIV-XV sec. – Lu ruagnu

Llibre Vermell – Stella Splendens

Tradizionale Grottaglie XIV-XV sec. – Innu a lla Matonna t’lu carmunu

Le Manucsrit du Roi c.a. 1270-1320 – Estampida

Guillaume de Machaut (1300-1377) – Ballada

Cancionero de Palacio XV-XVI sec. – Reina Madre de Dios

Cancionero de Palacio XV-XVI sec. – (Danza, para instrumentos) F. De La Torre

Cancionero de Palacio XV-XVI sec. – Adoramos Te Señor

Cancioneiro del Duca di Calabria (Uppsala) – Venetia 1556 – Riu riu chiu

Cancioneiro del Duca di Calabria (Uppsala) – Venetia 1556 – No la devemos dormir

 

ore 21.00 Piazza Castello

Historia Langobardorum

Spettacolo di ombre a cura di Angelo Miraglia

Uno spettacolo di ombre che racconterà la storia dell’arrivo dei Longobardi in Italia, la discesa a Benevento, la costruzione della chiesa di Santa Sofia e la deposizione nella chiesa delle reliquie di Sant’Eliano di cui si narreranno le gesta. La tecnica delle ombre e del racconto animato è presentato per la prima volta.

 

dalle ore 21.00 ogni 15 minuti Piazza Castello

Le Giullarate

Sketch di Commedia dell’Arte. Regia di Massimiliano Fini ed Elena Cuoco

Attrici e attori beneventani alle prese con piccole commedie, brevi ma intense, tratte dalla tradizione giullaresca, da Boccaccio e dalla creatività locale.

 

ore 21.30 Piazza Castello

Giullarate in bilico

Spettacolo di giocoleria di Pierluigi Ricciardi

Uno spettacolo per grandi e piccini, in cui il pubblico diventa protagonista e tutta la famiglia si diverte  senza smettere mai di sorridere.

 

ore 22.00 Piazza Castello

Palio degli Arimanni e proclamazione della Fara vincitrice

Ultima e definitiva Gara della Contesa

Nell’anno del signore 763 il prode galstaldo Gualtari si recò a Bisanzio per ordine del Duca  Arechi II e tornò a Benevento con le sacre reliquie del Martire Eliano, uno dei famosi Santi Quaranta Martiri di Sebaste. Da allora le Fare cittadine se le contendono al fine di garantirsi le sue proprietà benefiche. Lo scorso anno le Reliquie furono vinte dalla Fara del Duca, che per questo non può partecipare alla Contesa.

Lo scontro finale tra la Fare vedrà combattere i più nobili degli Arimanni, armati di corazza lamellare, elmo, spada e scudo e si affronteranno in duelli spettacolari ma senza spargimento di sangue. Ogni Fara potrà schierare 3 Arimanni, i quali si affronteranno in 3 gironi di pari livello. Il Palio, come da tradizione, decreterà la Fara vincitrice dell’edizione 2016

 

ore 23.00 Piazza Castello

La Compagnia del Cervo Bianco

Concerto itinerante di musica medievale

La Fara vincitrice festeggerà con l’accompagnamento musicali di uno dei più importanti e filologici gruppi musicali medievali della Campania. Il concerto, itinerante, seguirà i vincitori della Contesa nella loro sfilata in Piazza Castello.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...